Identità verbale del tuo brand: come costruirla con le parole

L’identità verbale è la lingua che parla un brand.

Inizia tutto dalla sua identità, dal suo DNA, dal modo in cui un brand sceglie di esprimere il suo sistema di valori per creare empatia, trasmettere fiducia, farsi scegliere.

Tutti i brand hanno una loro identità. Ma non è qualcosa che si inventa o si costruisce a tavolino. C’è già. Socrate la chiamava maieutica, quella ricerca della verità che si trova dentro ognuno di noi: basta solo tirarla fuori.

L’identità verbale è un ecosistema che che:

  • aiuta a posizionare un brand
  • genera fiducia
  • costruisce un universo condiviso di immagini e valori che si fanno parole

L’identità verbale, insieme a quella visiva, è il cuore della tua comunicazione. È l’identificazione di quello che è il tuo brand e di come vuoi che sia percepito dalle persone.

Gli ingredienti dell’identità verbale

L’identità verbale è l’insieme di tutti quegli elementi che esprimono il tuo brand con le parole. Il linguaggio che appartiene a te e a nessuno altro:

  • il nome della tua attività. O di un prodotto o di un servizio. Il nome giusto (ce ne sono diverse tipologie) ti fa ricordare dalle persone, ti identifica, ti definisce come brand, ti differenzia dalla concorrenza.
  • il payoff. Quella stringa di parole che racchiude i tuoi valori, il tuo universo, la tua promessa. In poche parole comunica che cos’hai di speciale, ti distingue dagli altri, mette in risalto tutto il tuo potenziale.
  • il tono di voce. È il modo in cui il tuo brand comunica la sua personalità attraverso le parole. Sono le parole, e il modo in cui le usi, che ti rendono riconoscibile in mezzo a tanti altri, con un’identità forte.
  • i testi. Ossia le parole che usi per raccontare il tuo lavoro e i servizi o i prodotti che vendi sul tuo sito web (home page, pagina chi siamo, sales page, schede prodotto). Quelle che scegli per scrivere i post che pubblichi sui canali social o sul tuo blog. Quelle che metti insieme per dare vita alla tua newsletter.

Studio, analisi, ricerca

L’identità verbale è una costruzione comunicativa che per realizzarsi ha bisogno di studio, di ricerca e di analisi. Ci sono diversi elementi da prendere in considerazione per farla emergere in superficie:

  • Studio del tuo brand. Chi sei? Qual è la tua visione? Quale impatto vuoi avere sul mondo con il tuo lavoro? Quali sono i valori che vuoi esprimere attraverso il tuo brand? Conoscere se stessi, la propria essenza e la propria identità è l’inizio di questo viaggio meraviglioso.
  • Il target. Chi sono le persone a cui il tuo brand si rivolge? Puoi definirle per età, istruzione e professione, interessi? Sai definire che tipo di problema hanno e in che modo tu puoi aiutarle con i servizi e i prodotti che offri? Più il target è definito, più conosci a fondo chi sono le persone alle quali ti stai rivolgendo e più sarà semplice mettere a fuoco la tua comunicazione.
  • Gli obiettivi di marketing. L’identità verbale è una strategia di marketing e comunicazione. E la comunicazione, per lavorare in modo coerente al servizio del marketing ha bisogno di conoscere a fondo quali sono gli obiettivi di business prefissati. Improvvisare non solo non serve, ma è anche controproducente.
  • La scelta delle parole. Il tono di voce si esprime attraverso le parole. Ci sono termini e formule da abbracciare, perché esprimono a pieno la personalità del tuo brand, e parole da evitare perché non sono coerenti con i valori del tuo brand. Ogni identità verbale ha il suo personale vocabolario e il suo manuale di stile, un documento prezioso che stabilisce tempi, forme e modi della comunicazione e indica con chiarezza quali sono i termini più adeguati da usare.

Perché lavorare sull’identità verbale

Per costruire relazioni forti con il tuo pubblico, e i tuoi clienti potenziali, devi metterti in ascolto. Devi comprendere i bisogni del tuo cliente ideale, farlo diventare il protagonista e non lasciarlo mai nell’ombra.

Non basta presentare la tua offerta, affermare quanto sono belli i prodotti e i servizi che vendi e lasciare tutto nelle mani di un semplice invito all’acquisto.

Ecco perché è indispensabile avere alle spalle un’identità verbale forte.

Perché così potrai davvero “parlare” con le persone. Instaurare un dialogo. Stabilire una connessione. Trasmettere fiducia. Tessere relazioni con i clienti o con i clienti potenziali.

L’identità verbale nella costruzione di un brand ruota attorno alle emozioni e ai valori che vuoi trasmettere. Valori in cui il tuo cliente ideale abbraccerà con gioia perché saranno anche i suoi. E quando si tratterà di scegliere, in fase di acquisto, le decisioni sono guidate proprio dalle emozioni e dalla vicinanza, o meno, di una persona rispetto al brand.

L’identità verbale libera la tua voce

Prova a pensare al tuo brand. Al tuo lavoro. Ai valori che promuove. Il tuo brand non è la tua esatta sovrapposizione, certo, ma se pensi ai valori che smuovono il tuo lavoro e quelli che ti identificano come persona ti accorgerai che si assomigliano molto.

Il tuo brand è come una persona. Una persona che ti assomiglia più ti quanto credi. E proprio come le persone, deve avere una sua personalità. Dei valori. Una voce distinta.

Se lavori nel modo giusto in questa direzione:

  • rafforzi la tua identità
  • parli la stessa lingua dei tuoi clienti
  • stringi legami forti e duraturi

———————————————————————————————————————–

Mi trovi anche su Instagram e su Facebook🌷

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi